Come stai ?

Quante volte riempi questa domanda d’interesse sincero? Quante invece la sprechi, per gentilezza formale? Quante volte senti davvero ciò che ti viene risposto? Ci dai peso e ne gioisci, o te ne rammarichi E come stai Quando lo chiedi solo per farti fare la stessa domanda Quando non hai il tempo di dirlo, perché l’altroContinua a leggere “Come stai ?”

Je est un autre

Immagina di vivere in un mondo dove non ci sono specchi. Il tuo viso lo sogneresti e lo immagineresti come un riflesso esterno di quello che hai dentro di te. E poi, a quarant’anni, qualcuno per la prima volta in vita tua ti presenta uno specchio. Immagina lo sgomento! Vedresti un viso del tutto estraneo. E sapresti con chiarezza quello che ora non riesci a comprendere: tu non sei il tuo viso.

Pellicole per farmi venire il nervoso

Come per l’edizione del mese scorso di questa rubrica devo ricordare che la seguente è una lista oggettivamente soggettiva ma soggettivamente molto significativa. Il fatto è che ogni persona è diversa. A te può far innervosire vedere uno che si scaccola in macchina, a me può non fare alcun effetto. A me può innervosire laContinua a leggere “Pellicole per farmi venire il nervoso”

AUTOTOMIA

Quando ero piccola giocavo a catturare le lucertole. Mi divertivo a rincorrerle, farle prigioniere, tenerle ferme e poi infilzarle con un legnetto. Mentre mi impegnavo in questa operazione canticchiavo sottovoce: “Questa é la storia del serpente che vien giù dal monte, per ritrovare la sua coda che ha perso un dì…” I bambini sanno essereContinua a leggere “AUTOTOMIA”