SOLO UNA CASA

(Però la mia)

Quanti piedi 

hanno varcato la tua soglia 

Per condividere qualche ora

Per rimanere a cena

Per fermarsi, di passaggio

Salutare

Per entrare e stare

Respirarti

Perché sei bella

(Già. 

Bella, una casa)

É strano 

Mi fai pensare 

che ci attacchiamo 

alle case

alle cose 

Le sentiamo nostre

Ci diamo il permesso

di nominarle

Ci consentiamo

di dargli il valore  

che diciamo noi 

Mi fai pensare 

che le cattive abitudini

diventano parte dell’arredamento 

Insieme alle calamite 

ai fumetti ingialliti

agli scontrini tenuti per niente 

Mi fai pensare 

che ci ostiniamo a conservare

Inscatoliamo impacchettiamo suddividiamo etichettiamo

Come non ci bastasse

ciò che proviamo

Eppure lo sai 

Di quante chiacchiere

parlavano

i piatti nella credenza 

Le fotografie mute 

Sorridenti

E il divano 

che è sempre stato 

un po’ scomodo

Ma va beh

Perché ci si abitua 

Ci si affeziona

Ci si impossessa 

Dei tramonti al balcone

Il loro arcobaleno d’infanzia 

Il loro rosso di adolescenza 

E della grandine

che sempre cade

Orizzontale 

E poi lo sai 

Degli angoli 

che si sono riempiti

di storie e di lacrime

Dei sassi 

del Primo Amato cane 

(Amava collezionare)

Dei peli di adesso

del secondo 

sempre amatissimo

 

Degli ingressi

che si cibano di abbracci 

Tu lo sai

Dei tre campanili

Ognuno su ogni affaccio 

Tu lo hai sempre saputo 

Io per vent’anni mai

Che quando le cose

le hai sotto gli occhi

finisce che poi non le vedi

E poi 

Le tue pareti 

ci hanno visto 

crescere 

Invecchiare

Tutti.

Che così chiamiamo

Il passare del tempo

sulla nostra pelle 

nelle nostre ossa

E qui dentro tu

mi hai vista cambiare

Bambina 

Figlia

Sorella

Amica  

Donna

Restare sempre me

Un’ adolescente 

mutevole

incazzata 

ma così entusiasta

E una studentessa 

Appassionata 

Incerta

Mai costante 

Qui dentro 

Ho potuto avere 

il lusso di rimanere

Ingenua 

Pura

Piccola

Quando fuori qualcuno

mi chiedeva 

d’esser già grande 

E io non ero pronta 

E ho di nuovo otto anni 

(Con quella gabbietta

tra le mani

Un uccellino volato via

Meno male!)

Adesso che

dopo venti 

Con i piedi fuori 

ed il cuore dentro

Penso: GRAZIE

Sei solo una casa.

Però sei stata la mia.

Pubblicato da barcadicarta

Autrice di: Ogni cosa che scrivo

2 pensieri riguardo “SOLO UNA CASA

  1. Avendo avuto l’onore di conoscere la tua casetta, devo ammettere che questa volta mi sono emozionata in maniera particolare leggendoti.
    Scorrendo tra le parole, ho rivisto tantissimi momenti pieni di allegria e risate vissuti tra le pareti della fatidica via Marconi. Momenti magici e infinitamente colorati come la tua casa, che per qualche momento di gioia pura è stata un po’ anche di tutti noi che l’abbiamo adorata!

    Piace a 1 persona

    1. Grazie Amica Mia!! è proprio vero…ha circolato tantissima allegria ed energia positiva tra quelle pareti. Per me rimarrà sempre adorata e magica – come quando ero bambina – ed è bello sapere che lo è stata anche per chi come te ha trascorso insieme a me dei momenti indimenticabili ❤ (Ne ho in mente un'infinità!)
      GRAZIE!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: